Vivere con il pilota automatico: mindlessness vs mindfulness

Se la nostra attenzione è diretta a qualcosa di diverso rispetto a quello che stiamo facendo per la maggior parte del tempo, finiamo per sentirci vuoti e intorpiditi. Vivere in automatico ci espone anche al rischio di reagire senza consapevolezza alle situazioni, senza riflettere sulle varie possibilità di risposta che abbiamo a disposizione. Essere mindful apre le porte non solo alla possibilità di essere consapevoli del momento in modo più pieno ma, avvicinando l’individuo a un senso più profondo del proprio mondo interno, offre l’opportunità di accrescere la propria compassione ed empatia. Quando diventiamo consapevoli, ci impegniamo con noi stessi e con gli altri stabilendo un legame più autentico, riflessivo e attento. – Daniel J. Siegel

This entry was posted in Blog. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *