Rachel Trezise

“Per un mese ignorammo la luce del sole, perché lasciarla entrare in casa poteva insidiare il nostro equilibrio. Ogni giorno avevo la nausea. La mia mente riusciva a tollerare la droga, ma lo stomaco si ribellava.”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *