Consapevolezza costante

Fondamentale nella terapia è la consapevolezza di sé, che è strettamente collegata ad un’esistenza psicologicamente vitale. Rabbia, ansia o tristezza sono abbastanza diverse dal punto di vista delle storie che le hanno generate, ma in ognuna di esse sono simili le implicazioni sociali e psicologiche.
La base per il sé come costante consapevolezza è una descrizione verbale di ciò che avviene nel momento presente. Gli skinneriani chiamano questa descrizione “tact”. Il sé concettualizzato si realizza integrando osservazioni e descrizioni in una storia di sé valutativa. Con gli interventi ACT si favorisce, invece, il sé come processo, basato su semplici azioni relazionali il cui fulcro è accorgersi di ciò che è presente, senza fusione cognitiva.
La capacità di imparare a descrivere quello che si sente o si pensa può essere facilmente compromessa da ambienti emotivamente impoveriti o da ambienti sociali disfunzionali, o da ambienti che incoraggiano l’evitamento esperienziale in modo tale che l’individuo ha dei contatti distorti con le proprie esperienze difficili.

This entry was posted in Blog. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *